La ricetta della Torta Migliorabile di Mandorle e Amaretti



Torna la nostra amica Sara Ferrari con la ricetta della Torta Migliorabile di Mandorle e Amaretti!

A grande richiesta, dopo il successo strepitoso del suo primo esperimento ai fornelli con una torta (la buonissima torta di mele e cannella!) torna la nostra amica Sara Ferrari, con una ricetta eccellente: la buonissima torta migliorabile di mandorle e amaretti!

Perché, migliorabile?

Lasciamo parlare lei!

——————————————————————————————————————————————————————————————————————————————————————————————————————————————————————————————–

Questa è la storia di una torta che non avrebbe dovuto essere una torta, bensì una crostata.

Ma siccome la frolla è figlia di buona donna, dopo un tentativo finito male, ho deciso di rimandare l’incontro con lei. Solo per ora cara la mia frolla, perché ci rivedremo presto.

Quindi gli ingredienti della torta sono i seguenti:

Per la crema:

200 gr. di ricotta

200 gr. di amaretti

50 gr. di zucchero

1 uovo


Per l’impasto:

200 gr. di farina 00

150 gr. di zucchero

100 gr. di burro 100 gr. di ricotta

2 uova

1 bustina di lievito, 1 pizzico di sale, Amaretto di Saronno q.b.

Per la copertura: 70 gr. di mandorle non spellate

Prima di tutto ho sciolto il burro in forno, sbriciolato gli amaretti e tagliato le mandorle, quindi ho preparato la crema, unendo l’uovo allo zucchero fino a quando non è diventato omogeneo, ho poi aggiunto la ricotta e una volta amalgamata, gli amaretti incorporando bene il tutto.

Dopodiché sono passata all’impasto, unendo le due uova allo zucchero e ho versato il burro già raffreddato, poi il sale, la ricotta e infine l’Amaretto.

Ho steso l’impasto nella teglia uniformemente, ho versato la crema sopra e ho guarnito il tutto con le mandorle.

Finalmente ho infornato tutto a 180 gradi per 40 minuti circa.

Il risultato?

È un esperimento che ho fatto con voi, non l’avevo mai provata prima.

L’aspetto è sicuramente da migliorare (se no non si chiamerebbe migliorabile), è diventata molto spessa ai lati e troppo bassa all’interno.

Sì, ma, direte voi, il gusto?

A Parma si dice: l’é bónna bombé.

 

 

Testo e fotografie: di Sara Ferrari!!!

 

Licenza Creative Commons Quest’opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione – Non commerciale – Non opere derivate 4.0 Internazionale.




CONDIVIDI QUESTO ARTICOLO SU:

Gastrolabio