Come fare una Pasta e Fagioli da resuscitare Lazzaro



Come fare una pasta e fagioli capace di resuscitare Lazzaro o un altro morto a caso, preferibilmente di giornata. 

20141001_191749Siete stanchi morti, é tardi e vi state lambiccando il cervello sul cosa fare da mangiare? A uno piace la pasta, all’altro le verdure, uno é vegano e un altro é schizzinoso? La soluzione perfetta per tutti é pescare nelle ricette tradizionali consolidate e gustose. Come fare la pasta e fagioli in poco tempo e con un risultato da applausi non è da tutti: quindi seguitemi in questo tutorial.

Certamente il risultato non sarà degno di un ristorante di Cracco, e se provate a darmi un voto su Trip Advisor vi scateno contro i cani. Ma sono certo comunque che anche Cracco, quando nessuno lo vede, cucina queste cose per i suoi cari. O per se stesso. Perché io valgo, come l’Oréal



Entriamo subito nel vivo delle cose. Avete 15 minuti di tempo e dovete preparare un piatto unico che soddisfi tutti: pronti, via!

Vi servono questi ingredienti: 

Vanno poi bene anche di altre marche, eh.

Vanno poi bene anche di altre marche, eh.

Fagioli in scatola, salsa di pomodoro, cipolla, aglio, olio d’oliva, sale, pasta corta. Se volete insaporire ancora di più: pancetta e crosta di Parmigiano. Odori: salvia, rosmarino. Se volete una ricetta vegetariana, non usate il Parmigiano, se Vegan, neppure la pancetta; in ogni caso non sono necessari. Potete anche scegliere tra aglio e cipolla, ma non state lì a menarmela con lo scalogno, solo Cracco ci fa il figo e comunque non nella pasta e fagioli.

Come fare la pasta e fagioli: 

Preparatevi prima gli ingredienti, così poi fate in un lampo.

Tritate la cipolla e fate a fettine un paio di spicchi d’aglio, o schiacciateli sul fondo della pentola che già contiene un filo di olio.

20141001_185006Tritate la pancetta, o anche un pezzo di lardo o di vecchio prosciutto che nessuno mangerebbe più vanno benone; é il momento di utilizzare quel crostone di Parmigiano che si é cristallizzato in frigo, quindi mettete mano al martello pneumatico e fatelo a tocchettini.

Aprite le scatolette dei fagioli, preparate la pasta pesata e tente a portata di mano sale, odori e passata di pomodoro; pronti, via!

Imbiondire...

Imbiondire…

Fate imbiondire cipolla, aglio e pancetta a fiamma bassa nella pentola, poi aggiungete i fagioli, un poco di sale e gli odori; mescolate bene insieme, aggiungete la salsa di pomodoro e finalmente aggiungete l’acqua, alzando la fiamma fino ad un bell’andante con brio. Aggiungete, ora o mai più, i tocchetti di crosta di Parmigiano.

...aggiungere...

…aggiungere…

Rimestate di tanto in tanto, un po’ per fare scena, un po’ per evitare che, se ce lo avete messo, il Parmigiano diventi un tutto unico col fondo della pentola. Regolate di sale; attenzione, pancetta e Parmigiano rilasciano sale, tenetevi appena un po’ insipidi o il rischio é quello di preparare una pietanza da capre (sperimentato; credetemi, non é come dite ma tanto é buona lo stesso. Si suda). Appena l’acqua bolle buttate la pasta.

...aggiungere il pomodoro, mi raccomando. Non fate quelle robe diafane che non sanno di niente.

…aggiungere il pomodoro, mi raccomando. Non fate quelle robe diafane che non sanno di niente.

Voi non ci crederete, ma é tutto qui. Se avete fatto le cose per bene, in dodici, quindici minuti, il tempo di scaldare le lasagne precotte, avrete messo al mondo una pasta e fagioli in grado di riportare in vita i morti. Completate l’opera con una manciata di Parmigiano sopra, e un filo l’olio d’oliva. Io ci metto ogni tanto anche un po’ di peperoncino. Poi, un bicchiere di vino rosso, staccate il telefono e imparate come mai i nostri nonni sono campati fino a cent’anni e noi che ci massacriamo di diete siamo sempre a pezzi.

NOTE: 

Valori nutrizionali: la porzione di pasta e fagioli per una persona è di circa 250 grammi. In questi 250 grammi, ci sono circa 300 calorie, più di 14 grammi di proteine, 6 grammi di grassi (1/8 dei quali polinsaturi), 7 grammi di fibre e attorno ai 50 di carboidrati. Naturalmente, senza la pancetta ed il Parmigiano. E’ una ricetta completissima e rifocillante.

Considerazioni aggiuntive: 

1)  E’ una preparazione sbrigativa, da gente vera. Si usano prodotti in scatola e si fanno le cose al volo. Se avete tre ore ogni giorno per preparare da mangiare, buon per voi; ma poi nel quotidiano o vi riducete al bar, oppure vi riscaldate qualcosa di precotto, quindi poche ciance.

Buttate la pasta, tanto poi la riprendete.

Buttate la pasta, tanto poi la riprendete.

2) E’ una ricetta plebea e povera. Se vi cibate solo di filet mignon, aria. Qui si parla di fagioli.

3) I fagioli fanno aria. Per ovviare al problema potete aggiungere foglie di alloro o di salvia, oppure dedicare la serata alla solitaria riflessione con un buon libro.

4) La pasta e fagioli é perfetta per chi opta per una alimentazione vegetariana o vegan. Solo, non aggiungete la pancetta né il Parmigiano. Neppure io ci metto sempre questa roba, fatevi prendere dall’estro del momento.

5) Se fa veramente freddo o volete una minestra, mettete più acqua; diversamente, mettetene di meno per una salsa ricca e saporita. Ma che, ve le devo davvero dire io queste cose?

Staccate il telefono.

Staccate il telefono.

6) Se qualcuno storce il naso o si lamenta, tirate fuori dal frigo le lasagne precotte o la bistecchina di Tofu grigliato, mostrategli il microonde e lasciate che se la sbrighi da solo. Poi lasciate un po’ di pasta nella pentola, e andate a fare altro. Se la mattina dopo trovate nella pentola lo stesso livello, avete in casa un alieno, di quelli perniciosi. Reagite di conseguenza.

 7) Questa é la ricetta mia. Se non vi sta bene, fatevene una vostra.


Licenza Creative Commons Quest’opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione – Non commerciale – Non opere derivate 4.0 Internazionale.

CONDIVIDI QUESTO ARTICOLO SU:

Gastrolabio